IO VIVRO’…………….

Non ho impegni seri per questo “21 dicembre 2012”. Credo proprio che farò alla Battisti…: Ecco quello, quello che, da domani mi accadra’ Io vivro’…  continuero’ e dormiro’ mi svegliero’, camminero’ lavorero’, qualche cosa faro’ qualche cosa faro’, si, qualche cosa faro’ qualche cosa di sicuro io farò….……….

UN GIORNO COME ALTRI…

27/11/2012. E’ mattino. 08 circa. Sbadiglio, allungo i miei 4 arti da quarantenne che sento cigolare come tutto ciò che è antico. Apro la finestra… Grigio. E’ tutto grigio, indistinto, sbiadito, smorto. Un attacco d’ansia depressivo mi stringe lo stomaco. Penso ad una cosa bella: un’amica; dimenticavo che non ci parliamo da un po’. Penso ad altro… Non c’è altro … Continua a leggere

Sulle strade di Gerusalemme

Ho visto involontariamente quei corpi insanguinati, immobili, degli amici Israeliani. Grandi e piccoli sembravano essere stati ammassati da quei terribili escavatori meccanici; Ho visto un piccolo braccio, il braccio di un bimbo fuoriuscire come un tenero filo d’erba  da sopra corpi informi e seminudi.  Quello che non coprivano gli abiti lo copriva la polvere. Ho guardato il cielo… era nero; … Continua a leggere

UN’ULTIMA MOTIVAZIONE…

Odio i tormentoni!.. Le eco asfissianti dei venti e della pioggia!.. Le somiglianze delle ombre o delle vesti!.. delle acconciature!.. Le simmetrie!.. le classi di appartenenza!.. il diapason elevato delle risa!.. il diapason dimesso del pensiero!.. odio le gerarchie della terra e del cielo!.. le strade che ci conducono da una città all’altra!.. le cattedrali che non conducono in nessun … Continua a leggere

Un ultimo sorriso

Odio i cani che mi abbaiano contro! E ch’è?!… Quando non sono i loro padroni a ringhiare invettive sono i loro “servi”?… Nietzsche diceva, nella sua sola poesia che amo: sorridere e mostrare i bianchi denti! Oggi tutti ringhiano per repressa e impotente rabbia… Da dietro le loro gabbie di vetro che sia uno sportelliere di banca o dell’inps, da … Continua a leggere

AFFATTO NORMALE

Non rientro tra quelli che vengono considerati, o si considerano essi stessi uomini normali. Non sono fatto per le cose, considerate da tutti, “le cose serie”. i ragionamenti, soprattutto, troppo impegnativi e lunghi mi annoiano; mi rattristano;  mi deprimono. Tutto ciò che è serio è, lo giuro, una minaccia per la mia esistenza. Che vi importa di come affronto le … Continua a leggere

UNA STORIA…

Non le era mai successo di fare delle sciocchezze fino ai suoi 35 o 37 anni. Viveva di piccole e quotidiane abitudini. Si può dire che vivesse le sue insoddisfazioni e le sue noie di sposa provinciale più che serenamente, chissà, magari con una soporifera ed indefinibile piacevolezza. Modesta in troppe cose, perfino nel pensare. Di quella semplicità che spesso … Continua a leggere

DUE PASSI PIU’ IN LA’… PIU’ IN LA’ DA TUTTO…

….Non aggiungerò altro a questo viaggio… So soltanto che scompaio dalla realtà e dalla vita un giorno più dell’altro, un’ora dopo rispetto alla precedente, istante dopo istante, scompaio davanti agli specchi di casa, dinanzi agli occhi della mia famiglia, dei miei amici, dei miei interessi. Tra poco si vedrà passare solo la mia ombra e infine neppure quella.